Lo stato delle imprese femminili: uno sguardo alle statistiche

‍Le donne rappresentano quasi la metà della forza lavoro e più della metà dei laureati. Tuttavia, possiedono solo un quinto delle imprese statunitensi, comprese quelle con dipendenti.

Incoraggiare un maggior numero di donne ad avviare imprese e aiutare le imprenditrici esistenti a farle crescere sono entrambi obiettivi meritevoli e con ampi benefici. Questi sforzi possono contribuire a colmare il divario di genere nell’imprenditoria, a migliorare le opportunità di lavoro per le donne e ad aumentare indicatori economici più ampi come la produttività, i redditi e la crescita.

Continuate a leggere per saperne di più sullo stato delle imprese femminili oggi e sulle possibili strade da percorrere.

Perché c’è un divario di genere nell’imprenditoria?

Le donne hanno la stessa probabilità degli uomini di essere interessate ad avviare un’impresa, se non addirittura di più.

E le idee non mancano: quando è stato chiesto alle donne quali tipi di imprese avrebbero avviato se avessero potuto fare qualsiasi cosa, hanno classificato tra le più promettenti le idee che potrebbero trasformare la vita quotidiana. Tuttavia, le donne possiedono meno di un quinto delle attività imprenditoriali del Paese e creano solo un quarto dei nuovi posti di lavoro negli Stati Uniti.

Dato che le imprese di proprietà delle donne creano il 40% di posti di lavoro in più per ogni milione di dollari di fatturato rispetto a quelle gestite da uomini, l’impatto dell’imprenditorialità in generale potrebbe essere molto maggiore se questo divario fosse colmato.

Il divario di genere nell’imprenditoria è multidimensionale ed è presente in tutti i settori e in tutte le fasi dello sviluppo aziendale. In primo luogo, è meno probabile che le donne abbiano dei modelli di riferimento che possano fornire consigli sull’attività imprenditoriale.

Inoltre, le donne tendono ad essere meno a loro agio nella ricerca di capitali e nell’attrarre investitori, soprattutto se si tratta di settori a prevalenza maschile. Inoltre, è meno probabile che le donne si considerino qualificate per diventare imprenditrici, a causa della minore fiducia nelle loro capacità rispetto alle loro controparti maschili.

Le donne si muovono online con le loro imprese

Un modo in cui le donne stanno entrando nell’imprenditoria è quello di spostare le loro attività online, dove hanno un vantaggio basato su una serie di caratteristiche.

Anche i blog di bellezza aiutano le donne ad aprire la propria impresa grazie alla loro popolarità e alla assenza di obblighi di orari per le donne che ci lavorano, ne è un esempio www.acquistarevestitionline.it

Le donne costituiscono la maggioranza degli acquirenti online, hanno maggiore fiducia nella vendita al dettaglio online come fonte di prodotti e servizi e sono più propense a cercare informazioni online o tramite i social media prima di effettuare un acquisto.

Inoltre, le donne sono più propense degli uomini a utilizzare strumenti digitali per la gestione della propria attività, tra cui il marketing e le vendite, la gestione dell’inventario e la comunicazione con dipendenti e clienti.

Questo vantaggio online potrebbe dare alle donne la possibilità di entrare in settori dominati dagli uomini e che richiedono un accesso fisico, come l’edilizia o i trasporti. Altre potrebbero concentrarsi su settori come il marketing digitale o la vendita al dettaglio online che consentono orari di lavoro più flessibili.

Anche le imprese connesse e autonome potrebbero essere campi particolarmente promettenti per le imprenditrici.

Le donne affrontano barriere uniche quando avviano un’impresa

Le donne devono affrontare una serie di barriere quando avviano un’impresa. Ci sono alcuni settori in cui le donne hanno una probabilità significativamente minore di diventare imprenditrici, come l’industria mineraria, l’edilizia e il settore immobiliare.

Altre affrontano barriere uniche all’interno dei settori, come l’assistenza all’infanzia, che può essere impegnativa per entrambi i genitori e rappresenta un ostacolo alla crescita delle aziende, poiché può essere difficile trovare un’assistenza all’infanzia.

È più probabile che le donne siano imprese individuali, con un numero inferiore di dipendenti e ricavi più bassi, il che significa che hanno meno probabilità di ricevere investimenti esterni.

È anche meno probabile che ricevano consulenza finanziaria e che venga loro offerto un finanziamento dalle banche, il che potrebbe essere in parte dovuto al tipo di attività che avviano.

Le donne devono inoltre affrontare sfide uniche nella raccolta di capitali, come la generale mancanza di consapevolezza delle opportunità di investimento, la paura di fallire e il timore di ricevere investimenti da coetanei e familiari.

Raccomandazioni per aiutare le donne ad avviare un’impresa

Il raggiungimento di una maggiore parità nell’imprenditoria richiederà una serie di sforzi su scala nazionale, alcuni dei quali sono già in corso, mentre altri sono appena iniziati.

  1. Promuovere l’educazione all’imprenditorialità: le donne hanno molte meno probabilità di essere incoraggiate ad avviare una propria attività rispetto agli uomini. Infatti, uno studio ha rilevato che il 70% delle donne non sapeva nemmeno di poter avviare un’impresa. Promuovendo l’educazione all’imprenditorialità e le opportunità di tutoraggio, i politici e gli educatori possono incoraggiare un maggior numero di donne ad avviare un’impresa e aiutarle ad avere successo.
  2. Promuovere le donne nell’imprenditoria: una maggiore rappresentanza delle donne nell’imprenditoria può contribuire a ridurre lo stigma associato all’avvio di un’impresa, soprattutto per le madri. Inoltre, le donne che ricoprono ruoli di leadership possono utilizzare la loro esperienza per incoraggiare altre donne ad avviare un’impresa e mostrare i diversi modi in cui l’imprenditorialità può funzionare per diversi tipi di persone.
  3. Aumentare la consapevolezza della disponibilità di capitali: c’è una mancanza di consapevolezza su come ottenere capitali per le imprese, compresi i prestiti per le piccole imprese. Una maggiore consapevolezza potrebbe aiutare le donne a superare le barriere finanziarie.

Strategie per aiutare le donne a far crescere le imprese esistenti

Esistono alcune strategie che le donne possono utilizzare per far crescere le imprese esistenti, aiutandole a espandersi più rapidamente, ad assumere più dipendenti e ad avere un maggiore impatto sull’economia.

Tra queste vi sono:

  1. Concentrarsi sulla scalabilità: le imprenditrici hanno spesso l’obiettivo di far crescere la propria azienda il più rapidamente possibile, ma alcune si concentrano troppo strettamente su determinate metriche o parametri che non sono adatti agli investitori o alla crescita. Gli imprenditori dovrebbero invece assicurarsi di avere un modello di business scalabile, in grado di espandersi con le proprie entrate, che sia accessibile e con spese generali ridotte.
  2. Espandere la linea di prodotti: le aziende che operano in settori maturi possono talvolta aumentare i loro ricavi aggiungendo prodotti, servizi o funzioni complementari alla loro offerta principale.
  3. Espandersi a livello globale: le aziende in grado di espandere la propria attività in nuove regioni possono spesso aumentare i propri ricavi e profitti.
  4. Aumentare gli sforzi di marketing: molte aziende potrebbero vendere più prodotti se riuscissero a espandere i loro sforzi di marketing.

I numeri: Le imprese guidate da donne oggi

Sebbene ci sia ancora molto da fare per colmare il divario di genere nell’imprenditoria, di recente si sono registrati alcuni segnali positivi.

La quota di imprese di proprietà di donne è aumentata, passando dal 16,7% del 2007 al 18,3% del 2017. Inoltre, le imprese guidate da donne crescono più rapidamente: i loro ricavi sono cresciuti in media del 10,4% tra il 2012 e il 2016, rispetto all’8,2% di tutte le altre imprese.

Le imprese guidate da donne sono anche più diversificate in termini di razza ed etnia. Mentre solo il 19% di tutte le imprese è di proprietà di una minoranza, la quota di imprese guidate da donne che sono di proprietà di una minoranza è del 32%.

Esistono inoltre alcune differenze settoriali: le donne possiedono una quota maggiore di imprese del settore sanitario. Le donne tendono inoltre a possedere aziende più grandi in media. Il dato più promettente, tuttavia, è che le donne più giovani hanno maggiori probabilità di essere imprenditrici rispetto alle donne più anziane.